Smafely sarà presentato allo Smart Working Day 2019

Dilium e Stantec presenteranno Smafely, il software che misura i benefici dello Smart Working in termini di risparmio economico, di tempo e di emissioni inquinanti, in anteprima a Milano durante l’evento dedicato al Lavoro Agile.

Pubblicato il

Smafely sarà presentato allo Smart Working Day 2019

Dilium e Stantec presenteranno Smafely, il software che misura i benefici dello Smart Working in termini di risparmio economico, di tempo e di emissioni inquinanti, in anteprima a Milano durante l’evento dedicato al Lavoro Agile.

Smafely è un originale software ideato da Stantec e sviluppato insieme alla startup Dilium, progettato per calcolare i benefici dello Smart Working a partire da dati concreti. L’algoritmo che dà forza all’innovativo sistema permette di quantificare il risparmio guadagnato dalla riduzione degli spostamenti casa-lavoro mediante un’accurata profilazione degli utenti.

L’algoritmo di Smafely, che si appoggia alle tabelle della Regione Lombardia per le emissioni inquinanti, è in grado di misurare la massa di ben sette composti diversi - NOx, N2O, CO, CO2, COV, PM2.5 e PM10 - che si configurano come fattori di inquinamento evitato indirettamente grazie alla non percorrenza della tratta che da casa porta alla sede lavorativa.

Negli ultimi 18 mesi Stantec ha potuto testare lo strumento e si è calcolato che complessivamente si è evitato di emettere in atmosfera oltre 25 tonnellate di CO2 equivalente e di percorrere all’incirca 180.000km, che corrispondono a 4 volte e mezzo il giro della Terra. Si sono risparmiati circa 29.000 euro di costi per i dipendenti che hanno dal canto loro guadagnato oltre 5.150 ore di tempo libero.

Siamo lieti di partecipare giovedì 17 ottobre allo Smart Working Day 2019 di Milano al fianco di Stantec per mostrare gli importanti risultati raggiunti con la partnership presentata lo scorso luglio.
L’evento è una giornata di approfondimento dedicata ai professionisti che intendono acquisire le giuste conoscenze per migliorare le pratiche di lavoro nell’ottica della produttività e del benessere dei dipendenti, fattori che incidono sempre più sul work-life balance.

Da alcuni rilevamenti effettuati dall’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, è emerso che nel 2018 il numero dei lavoratori agili in Italia ha toccato quota 480mila, corrispondenti a circa il 12,6% degli occupati. I benefici principali interessano la sfera individuale e del benessere, mentre dal punto di vista organizzativo la produttività cresce del 15% e l’assenteismo si reduce di circa il 20%. Lo Smart Working è in crescita e sempre più grandi imprese istituiscono piani dedicati: una soluzione come Smafely si pone come aiuto efficace all'implementazione di modelli strutturati, testati e validati.